Le Origini

La Santeria Cubana nasce a Cuba nel periodo storico della tratta degli schiavi che venivano importati sull’isola dall’Africa. Per questo motivo le origini di questa Religione provengono dalla fusione della cultura Yoruba con il Cattolicesimo.

Il Popolo Yoruba

Gli Yoruba erano una tribù che viveva in Nigeria, nell’ovest dell’Africa.
Essendo deportati a Cuba, essi portarono con sé questa vastissima cultura che però non potevano praticare liberamente in quanto gli veniva proibito essendo il cattolicesimo la religione prevalente.
Fu in questa circostanza che il popolo Yoruba identificò nelle figure sacre della religione Cattolica (Santi) le “divinità” che venivano venerate nel loro culto.
Da qui nacque ciò di cui parliamo oggi, ovvero la Regla de Ocha o Santeria, anche detta Sincretismo proprio per la presenza al suo interno di Cattolicesimo e cultura Yoruba.

La tratta degli schiavi

La tratta degli schiavi terminò del 1880. In seguito, grazie ad una timida e crescente apertura, la santeria iniziò a diffondersi finché, nel 1959, a seguito della Rivoluzione Cubana, iniziò ad essere osteggiata alla stregua di qualsiasi altra forma religiosa. Ma questo divieto divenne col tempo meno rigido consentendo alla santeria di sopravvivere fino ad oggi e anzi di diffondersi sempre più all'interno del tessuto sociale.
Al giorno d’oggi è la Religione più praticata e conosciuta a Cuba, coinvolgendo la maggior parte della popolazione afro-cubana.